Ti trovi qui:

Home

News

04/01/2011

Salerno: al teatro Verdi stagione lirica dedicata al Risorgimento

Lunaset3

Con un programma tutto dedicato al Risorgimento, il 14 aprile prendera' il via la stagione lirica 2011 del Teatro Giuseppe Verdi diSalerno. ''Abbiamo scelto di festeggiare il 150mo anniversario del nostro Paese -ha spiegato il segretario artistico del teatro, Antonio Marzullo- non solo mettendo in cartellone cinque titoli rappresentativi del periodo in questione, ma anche attraverso la decisione di restituire al pubblico i grandi classici nel pieno rispetto della tradizione. Rifiutando di presentare allestimenti grotteschi sulla falsa riga di quelli che stanno girando in questo periodo in Europa e negli Stati Uniti''. ''Bisogna dire pero' che oggi 'tradizione' e' diventato quasi sinonimo di 'avanguardismo', viste le derive a cui ci hanno abituati'', ha chiarito il regista Riccardo Canessa, che il 14 inaugurera' la nuova stagione portando sul palco 'I Puritani' di Vincenzo Bellini. ''La mia -ha poi aggiunto- non sara' uno spettacolo di routine ma una messa in scena rispettosa del pentagramma, che avra' come focus la musica e il canto, invece di qualche stramberia''. Ne 'I Puritani' Arturo sara' interpretato da Celso Albelo, mentre Jessica Pratt sara' Elvira. L'orchestra invece sara' diretta da Keri-Lynn Wilson. Il 12 maggio sara' poi la volta della 'Tosca' di Giacomo Puccini, che vedra' sul podio il direttore artistico del teatro, Daniel Oren, e nel cast Martina Serafin, Marcello Alvarez e Renato Bruson. La regia sara' invece affidata a Lorenzo Amato. Il quale, pur promettendo tradizione, non si e' detto totalmente chiuso all'innovazione. ''L'importante -ha spiegato- e' che venga rispettata la musica e il libretto, altrimenti il regista compirebbe l'errore di mettere il suo ego al di sopra di tutto''.Il maestro Oren tornera' sul podio il 5 ottobre, per la messa in scena de 'Il Trovatore' di Giuseppe Verdi, che vedra' alla regia Renzo Giacchieri e sul palco Alberto Gazale, Dolora Zajick e Dimitra Theodossiou. Quest'ultima, dicendosi emozionata per l'esperienza che la aspetta, ha raccontato che ''proprio 'Il Trovatore' e' stata la prima opera lirica che ho visto, quando avevo solo sei anni. Mi ricordo che allora dissi a mio padre: 'da grande voglio essere Leonora', proprio il personaggio che interpretero' aSalerno''. La cantante salira' sul palco del Verdi anche il 30 novembre, per calarsi nei panni della 'Norma' di Bellini. ''Un personaggio -ha affermato la Theodossiou- che per me rappresenta sempre una sfida, visto che spesso vengo definita come la Norma di questo secolo. Abbiamo discusso a lungo con il regista, Francesco Torrigiani, di come la storia di questa donna si avvicini, per alcuni versi, alla tragedia greca''. Molte volte, ha continuato il regista, ''Norma viene messa in relazione con il personaggio mitologico di Medea, soprattutto per la sua maternita', io invece vedo una similitudine anche per il ruolo giocato dalla passione nel suo essere motore per la storia di entrambe''.Il panorama operistico del teatro salernitano sara' chiuso, il 26 dicembre, da 'Cavalleria Rusticana' di Mascagni e 'I pagliacci' di Leoncavallo, che vedranno nel cast Giovanni Casolla, Amarilli Nizza e Marco Berti. A dirigere l'orchestra del teatro ci sara' Oren, mentre la regia e' stata affidata a Lorenzo Amato. Il quale ha rivelato di aver pensato ''per 'I pagliacci' a un allestimento che ricordi il patibolo, mentre per 'Cavalleria Rusticana' un qualcosa che abbia a che fare con la doppia morale dei camorristi illustrata da Saviano. La religiosita' dei mafiosi, ostentata anche durante le attivita' criminali, e' simile all'avvicinamento nell'opera di Mascagni dell'omicidio e delle cerimonie del periodo pasquale''. Il cartellone del teatro comprende inoltre diversi concerti, che tra gli altri vedranno salire sul palco i canti medievali dei Carmina Burana, il 30 aprile, e la Sapporo Symphony Orchestra, il 25 maggio. Il 9 dicembre inoltre una serie di primi ballerini, provenienti da alcuni tra i principali teatri del mondo, terranno un Gran gala di danza.

Lunaset3

 


teatro