Ti trovi qui:

Home

News

14/04/2011

"I Puritani" di Bellini a Salerno

la Repubblica, 14/04/2011

L’opera apre la nuova stagione lirica. Dirige Yoram David, regia di Riccardo Canessa.
Splende di scura bellezza l’Inghilterra riflessa nella lotta tra i seguaci di Cromwell e i partigiani degli Stuart. Nel 1833 Vincenzo Bellini lascia l’Italia e si trasferisce a Parigi. Gli basta un anno e subito fiocca una commissione: la nuova opera, composta in nove mesi, su libretto del conte e patrita Carlo Pepoli, vive delle suggestioni di storie inglesi perfette tele di intrighi, follie, passioni d’amore e sempre verdi affiati patriottici. Il 24 gennaio 1835 I Puritani e i cavalieri (in seguito il titolo si semplificherà in I Puritani), la nuova opera di Bellini debutta trionfalmente al Théatre Italien di Parigi, grazie ad un cast che si può permettere stelle come la Grisi, Rubini, Tamburini e Lablache.
L’ultimo fortunatissimo titolo firmato dal compositore catanese tiene a battesimo la nuova stagione lirica del Verdi di Salerno: debutto domani (ore 21), repliche il 17 (alle 18,30) e 20 aprile (alle 21). Sul podio, a guidare il Coro stabile – preparato come di consueto da Luigi Petrozziello – e l’Orchestra Filarmonica Salernitana la bacchetta elegante e sicura dell’israeliano Yoram David. La regia è affidata a un regista sensibile come Riccardo Canessa. Scene e costumi sono firmati da Alfredo Troisi. Artista video, Jean-Baptiste Warluzel. Nel cast Angelo Nardinocchi nel ruolo di Lord Gualtiero Valton, Lorenzo Ragazzo sarà invece Sir Giorgio, mentre Celso Albelo e Gabriele Viviani vestiranno i panni di Lord Arturo Talbo e Sir Riccardo Forth. E ancora Francesco Pittari (Sir Bruno Robertson), Francesca Franci (Enrichetta di Francia) e Jessica Pratt (Elvira). E pensare che Bellini aveva lavorato ad una versione per Napoli, con il ruolo di Elvira cucito addosso alla voce della grande Maria Malibran. Morirà a 34 anni, il 23 settembre 1835. Dopo un anno la stessa sorte toccherà alla bella Malibran.
Biglietti da 40 a 100 euro.

Laura Valente

la Repubblica, 14/04/2011

 


teatro