Ti trovi qui:

Home

News

29/09/2011

"Il trovatore" apre la stagione lirica

La città, 29/09/2011

 Dopo la pausa estiva al Massimo salernitano riprende la stagione Lirico-sinfonica. Si comincia mercoledì 5 ottobre con "Il Trovatore" di Giuseppe Verdi, un melodramma in quattro atti e otto quadri su libretto di Salvatore Cammarano e Leone Emanuele Baldare. Composta nel 1852, l’opera fa parte della cosiddetta " trilogia popolare", insieme con " Rigoletto" e " Traviata".
La storia è tratta da una fosca tragedia di "cappa e spada" dello spagnolo Antonio Garcia Gutierrez dal titolo "El trovador", da cui i librettisti Cammarano e Bardare ricalcarono le atmosfere forti della vendetta, dell’amore, dei campi di battaglia e della forza primigenia. L’azione si svolge nel 1409 in Aragona, dove i protagonisti maschili, Il Conte di Luna e il trovatore Manrico, fratelli che non sanno di esserlo, sono rivali in politica ma anche in amore, perché entrambi innamorati della nobile Leonora d’Aragona.
Alla storia principale è intrecciata quella della zingara Azucena, donna dominata da un intenso e disperato amore materno. Un personaggio singolare che è vittima delle sue passioni laceranti tanto da distruggere per crudele fatalitá l’oggetto del suo amore in una vicenda volutamente inverosimile. I due personaggi maschili si identificano con il loro ruolo vocale, Manrico è il tenore eroico; il Conte di Luna il baritono, suo aristocratico antagonista.
Da un punto di vista musicale in questo lavoro Verdi manifesta una vitalitá melodica, che si esprime in particolar modo nel canto. Dell’orchestra, che fa da accompagnamento, è curato il colorito timbrico, in prevalenza scuro e romantico. Un effetto raggiunto attraverso il ruolo di primo piano di clarinetti e fagotti nelle sonoritá gravi.
A dirigere l’Orchestra Filarmonica Salernittana "Giuseppe Verdi" , il maestro Daniel Oren. Il Coro del Teatro dell’Opera di Salerno, sará invece guidato dal maestro Luigi Petrozziello. Mentre la regia i costumi e le scene sono curate da Renzo Giacchieri. Oren per "Il Trovatore" ha scelto un cast giovane ma di provato valore. A vestire i panni del Conte di Luna ci sará il baritono Paolo Gavanelli, mentre il tenore Marcello Giordani interpreterá Manrico. Poi c’è la gradita sorpresa di Leonora che è interpretata dal giovane talento salernitano, il soprano Maria Giovanna Agresta. La cantante lirica a partire dal debutto del 2007 ha calcato i maggiori palcoscenici mondiali nei panni di Carmen (nell’omonima opera di Bizet), di Mimì ("La traviata") di Odabella ("Attila" di Verdi). Solo per citarne alcuni. E gli impegni per il soprano non finiscono, perché a breve sará ancora Leonora sotto la direzione del maestro Zubin Mehta, all’Opera di Valencia.

Paola Primicerio

La città, 29/09/2011

 


teatro