Ti trovi qui:

Home

News

03/10/2012

Continua il miracolo del Teatro Verdi che va avanti senza fondi

12mesi.it, 10/03/12


Si è tenuta nella mattinata di venerdì 9 marzo, presso il Salone del Gonfalone del Palazzo di Città, in via Roma a Salerno, la conferenza stampa di presentazione della stagione Lirica 2012 del Teatro Municipale Giuseppe Verdi di Salerno.
Il cartellone prevede opere di grande repertorio, opere che il pubblico potrà conoscere ed apprezzare, alcune interessanti operazioni sperimentali rivolte ai giovani ed ai nuovi pubblici del belcanto italiano.
All?incontro con la stampa hanno preso parte il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, l'Assessore alla Cultura del Comune di Salerno Ermanno Guerra, il maestro Antonio Marzullo, i registi Enrico Stinchelli, Lorenzo Amato, Riccardo Canessa, Ha moderato la giornalista Rosanna Cancellieri.

"Presentiamo questa mattina - ha dichiarato con soddisfazione il Sindaco Vincenzo De Luca - un cartellone di altissima qualità, che unisce titoli di grande repertorio ad opere meno conosciute al grande pubblico, ma di certo in grado di attirare l'attenzione degli appassionati.

Salerno intende continuare a puntare sull'eccellenza. Riteniamo che la lirica sia un patrimonio della cultura italiana, in grado di essere al contempo un forte attrattore turistico e un importante fattore per la creazione di tanti posti di lavoro per i giovani. Proprio in tale ottica si è pensato di instaurare un proficuo rapporto di collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Martucci: da questa collaborazione è nato un progetto speciale con le scuole, che a dicembre prossimo porterà in scena "La luna nel pozzo", una favola lirica in due atti, con la direzione di Massimiliano Carlini e la regia di Pasquale De Cristofaro. Il nostro obiettivo è dare motivazioni alla città ed in particolare ai giovani che coltivano questa meravigliosa passione, dar loro una speranza ed una prospettiva di vita e di lavoro nella loro Salerno ed in quel mondo della musica che tanto amano.
Certo, tutto questo non sarebbe possibile senza l'impegno, la forza, la virtuosità e la passione di coloro che lavorano al nostro grande progetto culturale. Il Comune di Salerno non gode di alcun sostegno: da solo, con sforzi immani, opera per mantenere in piedi questa straordinaria esperienza. Vogliamo, però, ancora gettare il cuore oltre l'ostacolo, perché il grande progetto del Teatro Verdi è divenuto per noi un fattore irrinunciabile dell'eccellenza e dell'identità della nuova Salerno. È un patrimonio immenso che non intendiamo disperdere".
 

http://www.12mesi.it

 


teatro