Ti trovi qui:

Home

News

19/02/2013

Aquiloni

da mercoledì 20 febbraio a sabato 23 febbraio (ore 21)
e domenica 24 febbraio (ore 18.30)

Produzioni Teatrali Paolo Poli - Associazione Culturale
presenta
Aquiloni
due tempi di Paolo Poli
liberamente tratti da Giovanni Pascoli
con
Paolo Poli

e con
Fabrizio Casagrande, Daniele Corsetti, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco
regia
Paolo Poli
scene Emanuele Luzzati
costumi Santuzza Calì
musiche Jacqueline Perrotin
coreografie Claudia Lawrence

La maestria, l'eleganza e la grazia di Paolo Poli si fondono con il mondo lirico del poeta del "fanciullino".
Con la sua superba arte scenica l'attore, che è uno dei più importanti interpreti del panorama teatrale italiano, proporrà i più bei versi di Giovanni Pascoli in una serie di quadri scenici recitati, cantati e danzati.
Dopo le recenti tappe campane al teatro comunale di Caserta e a quello di  Avellino, la tournée 2012-13 dello spettacolo Aquiloni approderà anche al teatro municipale "Giuseppe Verdi" di Salerno.

Per Giù la maschera, Paolo Poli incontrerà il pubblico e la stampa giovedì 21 alle 18.30 presso il teatro Verdi.

Aquiloni: allegoria del comporre poetico, giocattolo antico preindustriale che affettuosamente ci ricorda Giovanni Pascoli.
Fino alla metà del Novecento la scuola italiana si nutrì della sua produzione.
La critica letteraria, a cominciare da Croce, privilegiò le rime giovanili, fino a Contini che ne elogiò il plurilinguismo, a Pasolini che rilevò la dicotomia psicologica, per arrivare a Baldacci che ne curò la ricca antologia.
Da Myricae e dai Poemetti lo spettacolo intende evocare la magia memoriale e la saldezza linguistica nelle figure contadine di un'Italia ancora gergale.
I floreali motivi della Bella Epoque accompagneranno gli ascoltatori nel ricordo del volgere del secolo.
Le scene sono sempre del grande Emanuele Luzzati, i costumi di Santuzza Calì, le musiche di Jacqueline Perrotin e le coreografie di Claudia Lawrence.
Accanto a Paolo Poli si esibiranno: Fabrizio Casagrande, Daniele Corsetti, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco.
 

 


teatro